Change.org si assicura investimento da parte di Omidyar Network

  • Il finanziamento segue la rapida crescita e l’espansione internazionale della più grande piattaforma di petizioni on-line al mondo, con il più veloce tasso di crescita e con uffici in 18 paesi.
  • Change.org ha raggiunto oltre 35milioni di utenti con un tasso di crescita di 3milioni di nuovi utenti al mese. 
  • Change.org ha ricevuto il Webby Award 2013 come miglior sito di attivismo. 

Change.org, la più grande piattaforma di petizioni on-line al mondo e certificata come ‘benefit corporation’ negli Stati Uniti, lo scorso 21 maggio ha annunciato di aver ricevuto un finanziamento di 15milioni di dollari da Omidyar Network, la compagnia filantropica di investimenti creata dal fondatore di eBay, Pierre Omidya, e da sua moglie Pam. Omidyar Network gestirà una quota minoritaria di Change.org e Chris Bishko, socio di Omidyar Network, farà parte del Consiglio direttivo di Change.org. Al finanziamento ha partecipato anche Uprising, un gruppo d’investimento finalizzato a sostenere imprese sociali. 

Omidyar Network si propone di catalizzare un ampio e positivo impatto sociale attraverso il finanziamento sia di aziende profit sia di organizzazioni non-profit in tutto il mondo. Nel portafoglio della società figurano realtà profit, come la più grande rete mondiale di gruppi locali, Meetup, così come organizzazioni non-profit, come il sito di microcredito di Kiva.

Omidyar Network è lieta di accordare quest’investimento a Change.org,” ha dichiarato il Managing Partner di Omidyar Network, Matt Bannick. “Siamo particolarmente entusiasmati di supportare un'organizzazione che utilizza in modo efficace la tecnologia per dare alle persone l'opportunità di mobilitarsi su questioni di importanza personale e intraprendere azioni che possano migliorare significativamente le realtà in cui vivono.

Change.org cerca di aiutare le persone in tutto il mondo a ottenere il cambiamento che vogliono vedere e gli utenti della piattaforma hanno già vinto migliaia di campagne. Tra le vittorie di spicco figurano la rinuncia di Bank of America a chiedere 5 dollari di commissione per l’uso della carta di credito, l’impegno della  rivista “Seventeen” a non ritoccare con Photoshop i suoi modelli, la sospensione dell’Euro-parlamentare Mario  Borghezio dal gruppo EFD per le sue dichiarazioni razziste contro il Ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge.

Siamo onorati di ricevere investimenti da finanziatori così profondamente guidati da missioni sociali”, ha affermato il fondatore Change.org e CEO Ben Rattray. “La missione di sostegno e di ‘empowerment’ di Omidyar Network si allinea perfettamente con la nostra e siamo grati per il loro ruolo guida nell’aver fatto  crescere l’impatto degli investimenti in questo settore negli ultimi dieci anni.

Le imprese sociali possono svolgere un ruolo fondamentale nel risolvere alcuni dei maggiori problemi del mondo”, ha detto Rattray. “Questo finanziamento ci aiuterà a continuare a espandere i nostri strumenti di ‘empowerment’ a livello internazionale, innovando continuamente i nuovi prodotti con il potenziale di avere un impatto sociale dirompente.

Negli ultimi anni Change.org è cresciuta in modo esponenziale, passando da 6milioni di utenti nei primi mesi del 2012 a più di 35milioni di utenti oggi, di cui oltre 1milione in Italia. Ogni mese, tre milioni di nuovi utenti si uniscono al sito, rendendo Change.org la più grande piattaforma di petizioni on-line al mondo, con il più veloce tasso di crescita. Nel mese di aprile, Change.org ha ricevuto il Webby Award per il miglior sito di attivismo on-line.

Change.org è una società certificata di tipo “B”, il che significa che è tenuta ad elevati standard di prestazioni nell’ambito sociale e ambientale, di responsabilità e trasparenza, fissati dalla “B Labs”, un gruppo di certificazione indipendente.